NEWS:
FA5 - Comunicato stampa .............. FA5 - COMUNITÀ-ARCHITETTURA - Conferenza stampa di apertura ........... * Il Festival dell\'Architettura segnalato da Skira Yearbook of World Architecture 2007-08
18/09/2019
Chi Siamo Storia Archivio Mostre - Prestiti Programma I Luoghi Amici del Festival Newsletter Festival Architettura Edizioni
versione italiana
english version
   

IL PAESAGGIO DELLA MEMORIA. EDVARD RAVNIKAR - BOGDAN BOGDANOVIC
Luoghi e architetture celebrative nel territorio della ex Jugoslavia

Coordinatore: Filippo Bricolo
A cura di: Filippo Bricolo, Maria Angela Gelati, Elena Re Dionigi

BOGDAN BOGDANOVIC - Acro- Necropoli dei partigiani, 1965 - ZOOM
BOGDAN BOGDANOVIC - Acro- Necropoli dei partigiani, 1965
Questa indagine si concentra su di una vicenda esemplare ma poco conosciuta: i memoriali della seconda guerra mondiale realizzati, a partire dal 1950, nei territori della Ex-Iugoslavia.
In particolar modo verranno studiate e poste in mostra le diverse esperienze di due architetti, Bogdan Bogdanović (1922) ed Edvard Ravnikar (1907-1993) i quali realizzarono e progettarono numerosi monumenti e complessi memoriali dedicati al ricordo dei tragici eventi del secondo conflitto mondiale.

Le esperienze di Bogdanović e Ravnikar, notevolmente distanti negli esiti, presentano delle affascinanti convergenze come la rinuncia all'esaltazione architettonica della violenza o dell'odio, l'alto valore simbolico delle composizioni associato alla comune rinunzia a riferimenti chiaramente riconducibili alla religione o a ideologie politiche (la croce, la falce ed il martello, la stella a cinque punte), la ricerca di un rapporto profondo con il paesaggio portato avanti attraverso un dialogo serrato tra l'essenza propria dei luoghi e la trasfigurazione del dramma in figure enigmaticamente parlanti e dall'alto valore patetico.

BOGDAN BOGDANOVIC - Monumento commemorativo ai morti per la rivoluzione, 1961 - ZOOM
BOGDAN BOGDANOVIC - Monumento commemorativo ai morti per la rivoluzione, 1961
Ma il parallelismo tra i due maestri si interrompe bruscamente davanti all'evidente diversità delle forme. Ciò che in Ravnikar porta al non finito (Memoriale di Kampor, 1952), all'imperfezione apocrifa di segni che conquistano lo spazio con una latente e romantica irresolutezza, in Bogdanović si trasforma in figure forti, decise, mosse da un furor arci-combinatorio che produce strabilianti meticci surrealisti, frutto di ibridazioni di uomini, animali ed elementi architettonici.

Se guardiamo la necropoli bianca di Prilep (Monumento commemorativo a Prilep, 1961) le figure non si nascondono ma assalgono l'osservatore parlando mediante la reiterazione quasi giocosa di elementi caratterizzati da assonanze fisiognomiche. Il confronto con le forme ripetute da Ravnikar a Draga e Begunije (memoriali di Draga e Begunije) evidenzia l'inconciliabile diversità degli reciproci universi culturali e formali.
Mentre Ravnikar resta solidamente ancorato alla disciplina architettonica, Bogdanovic indulge alla scultura e nelle sue forme le figure assumono connotati più evidenti. Questa diversità di atteggiamento è palese confrontando il Memoriale di Kampor di Ravnikar con un opera come le pietre-ali di Kruševac (Monumento commemorativo a Kruševac, 1965) .
Ma le diversità sono evidenti anche quando Bogdanovic si cimenta propriamente con l'architettura, vedasi la casa-archetipo-monumento di Cacak (Parco della rimembranza della lotta e della vittoria a Cacak, 1980), oppure il Monumento alla storia della lotta di liberazione a Knjaževac, 1871 con gli elementi che mescolano i riferimenti alle tombe di Bogomili ad arcaicità misteriose, o ancora i guerrieri simbolici di Bela Crkva (Monumento all'insurrezione a Bela Crkva, 1971) o anche il monumento a Vukovar (Parco Memoriale Dudik a Vukovar, 1980).

 BOGDAN BOGDANOVIC Parco memoriale Dudik a Vukovar 1980 - ZOOM
BOGDAN BOGDANOVIC Parco memoriale Dudik a Vukovar 1980
Le diversità dei due maestri sono tali da aprire una complessità di riflessioni che la ricerca prima e la mostra poi cercherà di trattare, affrontando lo studio di due modi affascinanti e diversi di interpretare il difficile tema della costruzione dei luoghi della memoria tra ricerca di identità e disegno del paesaggio.
I documenti esistenti e pubblicati sono pochi, molte delle opere dei due maestri sono tuttora inedite e sconosciute anche agli addetti ai lavori. Esigue sono le prese di posizione dei critici sulle singole opere e quasi nulli i confronti tra i due maestri.

La prima fase della ricerca si propone di attivare un intensa campagna di studio e conoscenza che si concentrerà sui 40 memoriali progettati e/o realizzati da Ravnikar e Bogdanović, in questa fase si provvederà alla raccolta di documenti editi ed inediti quali contributi critici, disegni originali, materiale iconografico ...; contemporaneamente verrà attivata un rete di contatti con ricercatori, storici e architetti che a diverso titolo si sono occupati delle opere oggetto di studio.

 

21/10/2008
Intervista a Bogdan Bogdanovic / osservatoriobalcani.org

entra

21/11/2007
La costruzione della memoria in Bogdan Bogdanović

entra

09/10/2007
Mappa dei Balcani occidentali

entra

13/07/2007
Opere realizzate

entra

COMMUNITY
La stanza del laboratorio di ricerca rimane aperta alle critiche, ai contributi e alle domande dei visitatori. Interloquendo con i curatori entri a far parte di una ricerca intesa come processo partecipato di conoscenza ed interpretazione.

Ultimo intervento:

Gentili curatori, desidero congratularmi con voi per la mostra in San Ludovico. Nel silenzio, nell'ombra, nelle grammatiche che stanno dentro l'emozi ...


ARCHIVIO
LINKS
FONTI
 
2.a IL PAESAGGIO DELLA MEMORIA. EDVARD RAVNIKAR - BOGDAN BOGDANOVIC
   
IL PAESAGGIO NELL'ARCHITETTURA WUNDERTAL / ARCHITETTURA E PAESAGGIO NELL'OPERA DI LE CORBUSIER PAESAGGI DELL'ARCHITETTURA ECO-VIRTUOSA IL PAESAGGIO DELLA MEMORIA. EDVARD RAVNIKAR - BOGDAN BOGDANOVIC GARATTI - GOTTARDI - PORRO JOHN HEJDUK GEO(foto)GRAFIA DEL PAESAGGIO - PARMA GEO(foto)GRAFIA DEL PAESAGGIO - REGGIO EMILIA GEO(foto)GRAFIA DEL PAESAGGIO - MODENA CITTA' E LUCE HABITARE LA VIA EMILIA IL PAESAGGIO E IL SUO DOPPIO GIORNATA TRIBUTO VIA EMILIA